“COSA FARETE ADESSO IL GIOVEDI’?” - Emanuela Maisano
19860
single,single-post,postid-19860,single-format-standard,,select-child-theme-ver-1.0.0,select-theme-ver-2.8.1,wpb-js-composer js-comp-ver-4.7.4,vc_responsive

“COSA FARETE ADESSO IL GIOVEDI’?”

Vi è mai cMANU APEROLapitato di sorseggiare una bevanda in particolare o di gustare un determinato piatto e ritornare con la mente a qualcosa o a qualcuno?
A quell’incontro speciale, a quella vacanza speciale, a quel periodo speciale…
A me, devo ammettere, succede spessissimo. Ci sono odori e sapori capaci addirittura di farmi commuovere.

La volta più clamorosa fu quella delle merendine di un forno della cittadina in cui sono cresciuta.
Passato qualche mese dal trasloco in un’altra regione e in un’altra città, torno a trovare i miei, faccio colazione con quelle merendine e scoppio letteralmente a piangere davanti alla mia immancabile tazza di thè verde al bergamotto. In quella merendina al cacao a forma di banana (o mezzaluna) erano conservati tutti i miei ricordi di bambina, nella mia casa, in compagnia della mia famiglia, da entrambe le quali mi ero appena separata.

Così, l’odore di frittura riporta la mente alla nonna e alle sue padellate di patate rustiche, fritte con la buccia, e di polpettine di melanzane.
E poi, il profumo del ragù la domenica mattina, il sapore delle brioche con gelato in vacanza, l’aroma del basilico sull’insalata di pomodori d’estate.

Tutto è neutro. Sei tu che dai sapore alle cose, incontrandole. (Cit. Fabio Volo – E’ una vita che ti aspetto)

Luglio è quasi terminato, l’avventura dei “Giovedì in shopping”, iniziata più di un mese fa, sta quasi per chiudere i battenti e…sapete una cosa? Anche quest’esperienza avrà il privilegio di essere ricordata con sapore.

 

 

Il colore arancione dell’Aperol non potrà che ricordarmi l’estate (seppure metereologicamente anomala) in cui ho vissuto l’esperienza. Il suo tocco leggermente alcolico riporterà alla mente lo spirito delle serate trascorse con Alex, il mio grandioso compagno d’avventura.
La dolcezza della cedrata sarà il ricordo di uno staff amabile, genuino, familiare. Un grazie di cuore a tutti i componenti di questo grande gruppo:
Gerry, Fabio, “Davidino”, Chiara, Ninfa, Silvio. Il prezioso supporto di Radio Onda Novara e Teatro Rosmini. E poi, Sonia e Lorenzo con i talenti della loro “Four Music School” e ovviamente Max Pieriboni e la sua esilarante crew di comici di Obbiettivo Risata, che hanno strappato sorrisi al pubblico, venuto a trovarci in Piazza Martiri a Borgomanero.

 

A proposito di grazie, un altro, grande e affettuoso, va agli amici dirimpettai del Bar Americano, diventato da cinque giovedì a questa parte, location dei nostri briefing pre-diretta. (Fa più figo dire così, che raccontare che sorseggiavamo amabilmente un aperitivo e una birra, amici del Bar Americano non traditeci! :-))

Il brindisi più sonoro, però, va a Vincenzo, barman affabile e dai modi garbati, che si è aggiudicato il merito di regalare un sapore tutto speciale a quest’avventura. E’ il sapore del cocktail che mi ha fatto assaggiare e che vi ho appena raccontato.
Un drink esclusivo, bagaglio della sua esperienza alla Campari Academy, non così semplice da trovare in altri bar.
Ha ragione l’assessore Filippo Mora quando, con l’aria un po’ nostalgica, dice “Cosa farete i prossimi giovedì?”.
Ogni esperienza che finisce, soprattutto se bella, intensa e prolungata come questa, lascia il sapore amaro della nostalgia.
Ma grazie al drink di Vincenzo, le dirette del “Giovedì in shopping” per me avranno sempre un solo e buon sapore, Aperol e Cedrata Tassoni.
Alla vostra salute!

 

 

 

Nissan Commento

Sorry, the comment form is closed at this time.