Pipponi, belle scoperte e domande difficili

#chesidiceinradio

 

Pippone confessional-paranoico, ma breve

È che da quando la radio ha ri-travolto ardentemente la mia vita, ho meno tempo per pubblicare approfondimenti su comunicazione e dintorni.
Però, è anche vero che se da un lato amo accorciare le nostre distanze attraverso il microfono, dall’altro non riesco a stare troppo tempo senza prendermi il lusso di scrivervi.
Perché, in fondo, ogni forma di comunicazione ha la sua dimensione e la sua ragione. La scrittura è una condivisione più intima, più lenta.

Per metterla sul mangereccio:
La radio è un trancio di pizza calda e fumante, avvolta nel cartoccio, che consumi perdendoti tra la folla delle vie cittadine.
La scrittura è un piatto di fettuccine caserecce al ragù che ti gusti piano piano, assaporando ogni singolo ingrediente di quel sugo così ricco e di quella pasta così squisitamente aromatica e imperfetta.

 

Nasce così “Che si dice in radio?”

Mi sono detta: non puoi avere voglia pazza di scrivere e non trovare abbastanza tempo per farlo!
Il tempo c’è (per tutto nella vita). Basta trovarlo e ottimizzarlo.
Da sempre dico che per me il blog è uno strumento attraverso il quale esternare pensieri, ma soprattutto condividere ciò che imparo di nuovo ogni giorno.
E allora perché non continuare a raccontarvi tutto ciò in cui m’imbatto, proprio partendo dagli appunti e dalle notizie di cui parlo in onda?
Il tutto, però, arricchito da retroscena e contenuti fuori onda…🙊
Per rispondere così, in una sola volta, a 3 domande:

Che si dice in radio? (alias che racconti in onda?)

Che si dice in radio? (alias che vi raccontate fuori onda?)

Che si dice in radio? (alias Manu come va in radio?)

 

 

Questo weekend 

Prima di arrivare al #chesidiceinradio di questo weekend, una considerazione che vale da quando ho iniziato e che credo varrà in futuro, almeno finché continuerò a lavorare in un team cazzuto come quello in cui lavoro.
Non passa giorno in cui non impari qualcosa e non cresca all’interno di questa nuova realtà. Ogni secondo speso a lavorarci, mi lascia addosso quella sensazione che hai quando realizzi che stai crescendo e maturando. Figata pazzesca.
Ora veniamo al weekend scorso.

 

Ho scoperto che:

 

▶️  Anche chi in frigo è capace di custodire solo cadaveri di alimenti putrefatti, ha una buona occasione di riscatto nella vita. Si chiama My Cooking Box. Una scatola da ordinare su Amazon o comprare presso i rivenditori, che contiene tutto (ma proprio tutto, sale e olio compresi) il necessario per cucinare un piatto della nostra tradizione. Senza sprechi e senza errori perché nella scatola c’è anche la ricetta e le dosi corrette di ciascun ingrediente.

▶️  Che con Recup (in tutta Italia) si può raccogliere frutta e verdura che i banconisti del mercato, a fine giornata, butterebbero via.
Si raduna la merce in un banchetto apposito e si distribuisce gratuitamente a chiunque lo richieda, per bisogno o perché più semplicemente vive all’insegna del recupero e dell’antispreco.

 

▶️  Che se dici boy-scout a un sindaco, Zio Paperone a uno che spende e spande, o primo della classe a un secchione, sei potenzialmente perseguibile e condannabile dalla legge.

 

▶️  Che Rag’n’Bone Man (quello di Human), Linkin Park (con Kiiara) e The Chainsmokers (insieme ai Coldplay) hanno uscito il nuovo singolo. Rispettivamente: Skin, Heavy, Something just like this.

 

▶️  Che Napoleone per fuggire dall’Elba ha approfittato della confusione dei festeggiamenti di carnevale. Era il 26 febbraio del 1815.

 

▶️  Che non so pronunciare mirror in inglese.

 

▶️  Che sono rimasta tra i pochi ad applaudire all’atterraggio dell’aereo.

 

 

Ho imparato che:

 

Sono una schiappa a rispondere a domande bruciapelo.
E la cosa che mi fa tremendamente arrabbiare è che, a distanza di giorni, non so ancora rispondere a questa domanda.
Ancor oggi, non so dire quale personaggio famoso mi affascini talmente tanto da volermi reincarnare nel suo corpo vivendo la sua vita.
E voi? Se rinasceste, chi vorreste rinascere?

Nissan Commento

Lascia un commento